• Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi

    Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi

    I maestri del Novecento italiano

  • Renato Guttuso

    Renato Guttuso

    La Zolfara, dettaglio

  • Filippo de Pisis

    Filippo de Pisis

    Rustico a Cortina (fienili), dettaglio

  • Giorgio de Chirico

    Giorgio de Chirico

    Rose (Fiori), dettaglio

 

MUSEO D'ARTE MODERNA MARIO RIMOLDI

Il Museo è stato inaugurato nel 1974 a seguito della donazione pervenuta alle Regole d'Ampezzo da parte di Rosa Braun, vedova di Mario Rimoldi, collezionista di Cortina d'Ampezzo.

Artisti come de Pisis, De Chirico, Sironi, Campigli e Music, frequentatori della conca ampezzana, instaurano con il collezionista Mario Rimoldi una fruttuosa amicizia.
Nel 1941, quando si apre a Cortina la prima Mostra delle collezioni d'arte contemporanea, la collezione di Mario Rimoldi è già delineata: spiccano gli splendidi de Pisis, i Morandi, i Semeghini, i Rosai, i Campigli, i Sironi, il Garbari, il Severini, il Tosi e il Guidi.
Nel dopoguerra entrano nella collezione le opere sperimentali di artisti già rappresentati con quadri figurativi. Il collezionista s'interessa ad artisti legati al filone figurativo e all'ambiente veneto, come Cadorin, Cesetti, Saetti, Tomea e Depero, con aperture anche verso nuovi movimenti che si vanno formando fuori dal Veneto. La collezione si arricchisce de La Zolfara di Guttuso e di opere dei protagonisti della nuova sperimentazione, come Corpora, Crippa, Dova, Morlotti, Music, Santomaso, Vedova. Scopre anche artisti stranieri, come Kokoschka, Leger, Villon, Zadkine, e si accosta ai protagonisti delle neoavanguardie, agli astratti degli anni Cinquanta.

Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha dichiarato la collezione di interesse culturale per essere l'esito di un'attività collezionistica sviluppatasi in un cinquantennio e tale da costituire uno degli insiemi più significativi in Italia per l'arte del XX secolo; per la presenza di alcuni capolavori di autori come Savinio, Garbari, Depero, Guttuso e di alcuni consistenti nuclei che risultano imprescindibili per lo studio di de Pisis, Sironi, De Chirico, Semeghini, Tomea, Tosi, Campigli.

Nell'esposizione permanente spiccano la Chiesa di Cortina e il Soldatino francese di de Pisis, le Bagnanti di Carena, lo Squero di San Travaso di Semeghini, la Zolfara di Guttuso, il San Sebastiano di Garbari, l'Ile des charmes di Savinio e il Concerto di Campigli.

Catalogo Online

Sfoglia i capolavori della collezione

Scopri di più

La Collezione

Storia del collezionismo di Mario Rimoldi

Scopri di più

I Bortoluzzi a Cortina - La Dinastia del Paesaggio

Dal 25 giugno 2022 al 09 ottobre 2022

Scopri di più

Nuove disposizioni

Dal 1° aprile nuove regole per l'accesso ai luoghi della cultura, con l'entrata in vigore del Decreto Legge 24 marzo 2022, n. 24. Per l'accesso ai musei e altri luoghi della cultura non è più richiesto il possesso del green pass rafforzato, né di quello di base. Resta l'obbligo di utilizzo di mascherine chirurgiche.

INFO

Il Museo è ospitato nel palazzo denominato Ciasa de ra Regoles. L'edificio è situato in pieno centro a Cortina d'Ampezzo, lungo il famoso Corso Italia nei pressi della Chiesa Parrocchiale.


Il modo più comodo per raggiungerci è a piedi, lasciando l'auto in uno dei tanti parcheggi situati attorno al centro pedonale.
Dalla stazione delle autocorriere sono 5 minuti a piedi; percorrendo la Via Stazione e il Largo Poste, si arriva direttamente all'isola pedonale di Corso Italia.

 

Emergenza Covid-19 - Modalità e procedure per la visita al Museo.

Dal 01.05.2022 per accedere ai musei decade l’obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie (mascherine chirurgiche o FFP2). Tuttavia, in considerazione delle indicazioni contenute nell’ordinanza del Ministero della Salute del 28 aprile 2022, si raccomanda fortemente ai visitatori di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie per tutta la durata della visita, in particolare in situazioni di affollamento.
 

Si ricorda inoltre che all'interno del museo:

  • Sono a disposizione i gel igienizzanti
  • Eventuali depliant e/o altro materiale informativo richiesto dovrà essere portato via con sé dal visitatore e non lasciato al museo.

Orari

Il Museo è aperto dal 25 giugno al 9 ottobre 2022

 

Orari di apertura:

dal martedì alla domenica 10.30 - 12:30 e 16:00 - 20:00 (agosto aperto tutti i giorni)

 

Seguiteci sui canali social per rimanere aggiornati e scoprire caratteristiche e curiosità del nostro patrimonio.
Ci trovate su Facebook, Instagram e YouTube.

 

Contatti

Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi

C.so Italia, 69

I-32043 Cortina d'Ampezzo

T. +39 0436 866222 / 0436 2206

museo.rimoldi@gmail.com

Prezzi

Ingresso intero collezione Rimoldi e mostre temporanee: 8,00 €
Ingresso ridotto collezione Rimoldi e mostre temporanee: 5,00 €

Ingresso cumulativo per i tre Musei delle Regole: intero 12,00 €, ridotto 8,00 €

Ingresso famiglia (due adulti + uno o più bambini): 15,00 €


RIDUZIONE: over 65; dai 10 ai 18 anni; studenti con tesserino; residenti; soci Touring Club Italiano; soci CAI; gruppi (minimo 15 persone); insegnanti; associati MAMBo - Museo d'Arte Moderna di Bologna; FAI - Fondo Ambiente Italiano

GRATUITA': fino a 10 anni; regolieri; grandi invalidi con accompagnatore (oltre il 74% con certificazione); Amici dei Musei delle Regole d'Ampezzo; giornalisti tesserati; possessori CARTA GIOVANI del Comune di Cortina; soci CAI Cortina; associati: MART - Casa d'Arte Futurista Depero - Casa Morandi e Museo per la Memoria di Ustica - Fondazione Peggy Guggenheim Venezia - Pordenone Arte Contemporanea - Fondazione Querini Stampalia