logo Rimoldi

Storia della Collezione
riga

La Collezione
riga

Mario Rimoldi
riga

Prima parte

Seconda parte

Documenti
riga

Il collezionista - Prima parte
foto Siamo nel 1921 quando il ventenne Mario Rimoldi, nato a Cortina il 13 aprile 1900, studente presso la Scuola Alberghiera di Roma, inizia ad interessarsi all'arte e, soprattutto, ad acquistare alcune tele.
Tornato a Cortina, l'attrazione per il "Bello" è diventata così intensa da spronarlo a cercare, senza posa e con occhio acutissimo, nuove opere delle quali circondarsi.

Importantissimo per il raffinarsi del suo gusto si rivela l'incontro con Filippo De Pisis nel 1929. Cortina diventerà un appuntamento fisso per l'artista e Rimoldi farà anche dei suoi quadri un investimento.
Le opere, sistemate nel privilegiato Hotel Corona, diventeranno così numerose che, negli anni Sessanta, ne verrà compilato un catalogo. Quando nel 1941 si apre a Cortina la prima Mostra italiana del Collezionista a fare da "primo attore" è proprio la collezione Rimoldi che conta già circa 700 opere. Nello stesso anno vengono pubblicati 150 esemplari del catalogo "Raccolta d'arte di Mario Rimoldi".

L'instancabile impegno di quest'uomo irrefrenabile non si limita al collezionismo, ma si allarga anche all'organizzazione di attività culturali a Cortina. L'appassionato collezionista sostiene l'istituzione di vari premi (Ulisse, Parigi, Cappelli...), è tra i fondatori del Circolo Artistico, organizza importanti mostre (Sironi, De Pisis, De Chirico), è membro attivo e presidente di numerosi enti (Scuola d'Arte, Comitato di soggiorno e Turismo, E.P.T., Unione Gente Italica, Corpo Musicale...)

Vai alla seconda parte